come organizzare case disordinate
Casa

Come organizzare le case disordinate: 5 trucchi per non farsi prendere dal panico

A nessuno piace l’idea di fare i conti con le case disordinate, questi nostri spauracchi personali che vengono associati spesso a una persona trascurata, pigra e poco seria.

La verità è che nella frenetica vita di tutti i giorni potrebbe essere difficile capire come gestire la propria abitazione, finendo per riempirla di oggetti, vestiti e mobili che non si ha mai il tempo di spostare.

La buona notizia è che non è così impossibile avere degli spazi più ampi, ariosi e organizzati, dove potersi rilassare senza dover perdere tempo a cercare qualcosa o a muoversi in stanze dove regna il caos.

Ecco 5 trucchi per non farsi prendere dal panico e ottenere degli spazi stress free.

Evitare il sovraffollamento

Il primo elemento che può creare un’aria oppressiva all’interno delle stanze è quando vengono associati troppi mobili in pochi mq.

Tutti noi abbiamo quella stanza piena zeppa di divanetti, poltroncine, tavoli o armadi, o comunque l’abbiamo vista nelle case disordinate di parenti o amici.

Non serve una scienza per capire che questa disposizione è tutt’altro che favorevole quando si desidera di stabilire l’ordine: attenzione, quindi, a non esagerare con gli elementi di arredo, soprattutto se si prediligono gli stili dalle forme più imponenti come quello classico.

Organizzare al meglio gli ambienti delle case disordinate

Un problema sentito da chi si trova sempre nel disordine perenne è la difficoltà nell’organizzare gli spazi della propria abitazione, sia per quanto riguarda la planimetria vera e propria, sia per la tendenza ad ammassare appendiabiti, credenze, comodini e quant’altro nelle zone più ristrette.

La regola d’oro, anche in questo caso, è non esagerare nel voler creare troppe stanze che poi si rivelano piccole oppure affollare quelle più grandi con più elementi possibile.

Se la situazione lo consente, anzi, ci si può anche sbarazzare di ambienti di servizio per regalare più mq alle camere o a sala e cucina.

Ricorrere a mobili su misura

Sempre per quanto riguarda il mobilio delle case disordinate è bene valutare la realizzazione di modelli su misura, soprattutto dove ci possono essere delle limitazioni come nelle mansarde.

In questo modo si spende di più, ma si riduce l’obbligo di prendere più elementi per gestire lo spazio (per esempio credenze e armadietti) ottenendo un effetto estetico gradevole.

Scegliere i colori adatti

Un trucco che forse non tutti conoscono per ottenere un ambiente più gestibile è quello che vede l’impiego di determinati colori per l’arredamento: ecco i più adatti.

Il bianco: un must per le case disordinate

Semplice, versatile e pulito, il bianco è perfetto per chi non ama i colpi d’occhio troppo vistosi che, si sa, devono essere gestiti con la giusta maestria per non creare effetti sgradevoli.

Inoltre, è perfetto per ampliare anche gli spazi più piccoli e aiuta a rintracciare più facilmente gli oggetti che si devono ritrovare.

Blu scuro per un tocco di design

Dall’altra parte dello spettro ottico abbiamo le tinte scure, meno indicate dove scarseggiano le misure in larghezza e altezza, ma molto apprezzate da chi desidera uno stile più moderno. Sfruttando consapevolmente gli arredi di design si può ottenere un meraviglioso effetto più ordinato che ci aiuta a percepire le case disordinate come un’oasi di pace.

Tinte pastello effetto shabby chic

Di recente è scoppiata una tendenza decisamente romantica che vede il giallo, il rosa, il verde e l’azzurro più tenui come colori per pareti, mobili e tessili.

In questo caso occorre fare molta attenzione a non esagerare con il mobilio classico, che si abbina molto bene ma potrebbe occupare troppo spazio.

A ogni spazio la sua funzione

Il problema di molte case è che, soprattutto nel caso di una famiglia numerosa, è facile “seminare” oggetti personali o altre cose come i giocattoli dei bambini in giro.

In questo caso è bene stabilire delle regole riguardo al giusto posto di libri, dispositivi elettronici e vestiti, magari creando angoli ad hoc sfruttando scatole trasparenti o mensole facendo comunque attenzione a non riempire l’ambiente.

Case disordinate e stress: perché è importante prendersela comoda

A inizio articolo abbiamo messo le case disordinate decisamente in cattiva luce: e non sono pochi quelli che mal sopportano di trovarsi in un’abitazione dove il caos regna sovrano.

Tuttavia, vogliamo precisare che, benché l’ordine aiuti certo la concentrazione e la tranquillità, non è necessario porsi degli obiettivi irraggiungibili come avere ogni stanza perfettamente a posto in ogni momento della giornata.

Dopotutto, la nostra casa dev’essere un luogo vissuto, dove si respira quell’aria che ci fa sapere di essere al sicuro: è normale, quindi, trovare un po’ di disordine, magari quell’oggetto fuoriposto o un filo di polvere in più. L’importante è non lasciare che il tutto si accumuli, ma per evitarlo basta un piccolo impegno costante.

Condividi con noi!

Articoli simili